Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Progetto "Emma 2018" Verona: sci alpino a favore della disabilità

4ª edizione iniziativa per la crescita e lo sviluppo cognitivo dei più giovani.

E’ stata presentata dall’assessore allo Sport Filippo Rando, la 4ª edizione del progetto ‘Emma 2018’. L’iniziativa, realizzata dallo Sci Club Edelweiss in collaborazione con l’associazione ‘La Libellula e il Giunco’ e con il patrocinio del Comune di Verona, è volta a favorire l’inclusione e la crescita formativa di soggetti disabili motori e cognitivi attraverso lo sci alpino.
 L’iniziativa si rivolge a giovani con disabilità in carico al Servizio Integrazione Scolastica - S.I.S. dell’Azienda Ulss 9 Scaligera, frequentanti la scuola primaria e secondaria di primo grado. I corsi, realizzati sulle piste da sci di Folgaria, sono svolti da 4 maestri specializzati, con il supporto di 4 operatori Asl, per gruppi di 8 bambini-ragazzi con disabilità.
 Presenti alla presentazione del progetto il presidente dello Sci Club Edelweiss Marco Ballini, il direttore della scuola sci ‘Scie di Passione’ Stefano Carbone, il presidente Ski Pass Folgaria e Lavarone Ivan Pergher, il direttore di Novezza Futura Luigi Ballini, il presidente dell’associazione ‘La Libellula e il Giunco’ Monica Manzani e le maestre di sci Laura Toffali e Silvia Zanini.
 “Un progetto sull’attività motorio-sportiva – spiega l’assessore Rando – che punta ad offrire un’opportunità formativa privilegiata nel percorso di sviluppo dei giovani diversamente abili. L’iniziativa, infatti, si propone di estendere la possibilità di sperimentare l’uso degli sci a bambini-ragazzi con disabilità, in un percorso educativo che favorisca la crescita, l’acquisizione di competenze e la maturazione individuale”.
 L’iniziativa si sviluppa attraverso un sistema di collaborazione tra la scuola, l’Ulss, lo Sci Club Edelweiss e i volontari attivi sul territorio. L’azione educativa rivolta all’alunno con disabilità deve assumere una veste specifica e specialistica che punti non solo alla funzione cognitiva, ma anche e soprattutto a quella emotiva, relazionale, sociale e motoria.

Pubblicità