Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Oppeano: convenzione con altri comuni per utilizzo aule parrocchiali per la scuola primaria

L’onere a carico di Oppeano è di 11.600,00 euro; la scelta ha permesso l’inizio regolare delle lezioni

Il Consiglio comunale di Oppeano di fine Settembre ha approvato una convenzione coi Comuni di Bovolone e Isola della Scala e con la Parrocchia di Sant’Agostino di Villafontana per l’utilizzo dei locali parrocchiali per le attività della primaria di Villafontana. La perizia tecnica effettuata dal Comune di Bovolone aveva infatti accertato che l’edificio di Villafontana, frequentato anche da alunni del nostro Comune e di Isola della Scala, non era idoneo all’attività scolastica.
 
 Visti i tempi ristretti e l’impossibilità di intervenire sul vecchio edificio, le 3 amministrazioni comunali hanno congiuntamente deciso di spostare la primaria nelle stanze parrocchiali di Villafontana per l’anno scolastico in corso 2017718. La Parrocchia di Sant’Agostino ha dato disponibilità.
 
 “Ad oggi gli iscritti a Villafontana sono 107, dei quali 46 sono oppeanesi, 49 di Bovolone, 4 di Isola della Scala e altri alunni da altri paesi vicini”, spiega il Sindaco di Oppeano Pierluigi Giaretta; “La soluzione trovata mira a mantenere la continuità del servizio scolastico sul territorio di Villafontana, frazione divisa tra i 3 Comuni interessati alla scuola. La Parrocchia ha già messo a disposizione due aule al piano terra e tre aule al primo piano degli immobili, con possibilità di utilizzare anche il deposito e gli spazi comuni al piano terra, gli accessi comuni e i bagni, anche del cortile esterno”.
 
 La compartecipazione del nostro Comune alle spese di sistemazione e manutenzione dell’edificio ammonta a 11.625,00 euro; per prima cosa si è iniziato col trasloco nella sede parrocchiale, con l’imbiancatura delle pareti e la pulizia approfondita dei bagni.
 
 “Alla luce dei recenti fatti di cronaca e vista l’imprevedibilità dei terremoti non possiamo permetterci di mettere a rischio la vita dei bambini e del personale didattico; la scuola risale al 1926 e sono stati eseguiti interventi nel tempo, ma a quanto pare non sufficienti”, spiega il Sindaco di Bovolone Emilietto Mirandola.
 
 Per la soluzione trovata, auspicando che il disagio di alunni, personale didattico e addetti sia ridotto al minimo, va un ringraziamento alle Amministrazione e al Dirigente Scolastico Francesco Rossignoli dell’Istituto Comprensivo “Franco Cappa”, al presidente del consiglio d’istituto e al rappresentante comitato genitori, oltreché al Parroco Don Silvio Zonin.

Pubblicità