Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Verona. Inaugurazione ieri 52ª edizione Vinitaly: discorso Sindaco Sboarina

E’ con grandissimo piacere che, a nome di tutta l’Amministrazione comunale, porgo il benvenuto nella nostra città

vinitalyInaugura450a quanti sono qui oggi presenti all’avvio della 52ª edizione del Vinitaly, la prima esposizione del vino al mondo per superficie di allestimento e per numero di operatori esteri.
 
 Agli espositori stranieri, un saluto particolare. E’ anche grazie alla loro presenza, infatti, che Vinitaly ha raggiunto le dimensioni e le caratteristiche di una fiera internazionale. Sempre più aziende estere apprezzano le opportunità che Vinitaly mette in campo; quest’anno si registra un aumento del 25% nel numero degli espositori esteri, con professionisti provenienti da 58 nazioni dei 5 continenti. Ed è effettivamente diventato uno scenario globale, quello del vino. Un palcoscenico in cui l’Italia gioca un ruolo da protagonista, come primo produttore mondiale con circa 40 milioni di ettolitri. Dentro questa cornice c’è Verona: con Vinitaly che è l’appuntamento business mondiale per eccellenza, ma anche con la forza dei suoi produttori dal momento che il settore vitivinicolo è uno dei sistemi-chiave dell’economia scaligera.
 
 La fiera che inauguriamo oggi rappresenta un momento di fortissimo impegno per Veronafiere e per la nostra città, che è pronta a ricevere, con le sue straordinarie bellezze artistico-storiche, i tanti operatori e visitatori in arrivo dall’Italia e dal mondo. A tutti loro mettiamo a disposizione servizi e strutture, così come facciamo tutto l’anno nella gestione di ingenti flussi turistici, che fanno di Verona la seconda città turistica del Veneto (la prima delle regioni italiane per numero di visitatori) e una delle più visitate d’Italia. Milioni di turisti frequentano ogni anno il lago di Garda, che deve la sua fama anche alla produzione di importanti vini; e milioni di turisti nella città d’arte per le sue attrattive culturali fra cui primeggia il festival lirico estivo. Lo dico sempre e lo ripeto anche stavolta: come sindaco, ringrazio il cielo perché gli antichi romani proprio qui hanno voluto l’Arena, uno degli anfiteatri meglio conservati, autentico gioiello cittadino, e perché il genio creativo di Shakespeare ha ambientato a Verona la storia di Romeo e Giulietta conosciuta in tutto il mondo.
 
 Per il Vinitaly, l’intero centro storico veronese - riconosciuto patrimonio mondiale Unesco - si apre alla Fiera per offrire nuove suggestive location per la realizzazione del fuori salone “Vinitaly and The City”. Mentre il business si fa in fiera, la città accoglie i wine lovers con la grande festa popolare per gli appassionati che unisce la cultura del buon vino a cultura e intrattenimento. Una scelta che dimostra l’importanza dell’impegno congiunto fra Comune e Veronafiere, due motori a sostegno della vocazione internazionale di Verona. La nostra è una bella città con tante piazze che ieri sera erano strabordanti di persone.
 
 Il binomio vino-turismo, che colloca Verona e il Veneto in cima a tutte le classifiche, non è l’unico aspetto su cui voglio soffermarmi oggi. Il successo di un evento fieristico è composto da altri elementi, primo fra tutti l’offerta di servizi ai visitatori. Insieme con Veronafiere, il Comune di Verona è fortemente impegnato sulla strada della modernizzazione. Vanno in questa direzione le collaborazioni sostenute per l’individuazione di nuovi 600 posti auto alla Genovesa e l’avvio di servizi di bus navetta gratuiti a supporto degli spostamenti da e per la fiera e il centro cittadino. Vinitaly è un’eccellenza della nostra città e la città deve dare servizi eccellenti.
 
 Ma la 52ª edizione di Vinitaly sarà ricordata anche per il debutto delle Gallerie Mercatali, che hanno riaperto proprio ieri per ospitare la cena di gala di Vinitaly. Un luogo davvero emozionante, che racchiude il passato e il futuro della nostra città. Il passato perché questo edificio ha rappresentato per la città lo sviluppo industriale, economico e agricolo; il futuro perché diventerà una nuova costola del quartiere fieristico, contenitore di eventi, congressi, bar e negozi. Un’operazione possibile grazie alla collaborazione Comune e Fiera, ancora una volta insieme nell’ottica di progettualità a vantaggio di tutto il tessuto cittadino. Un ringraziamento, quindi, al management della Fiera, per aver reso possibile un’operazione di rilancio di un’area importante quanto strategica del territorio.
 
 Un rilancio dell’intera area che passerà dalle prossime scelte urbanistiche, perché la mia Amministrazione ha come obiettivo il complessivo miglioramento della zona in cui ha sede il quartiere fieristico, perché i residenti vivano meglio e gli espositori siano sempre accolti adeguatamente. Abbiamo infatti progetti di recupero urbanistico e di viabilità sostenibile. Si tratta di impegni a lungo termine, come lo sono gli interventi di riequilibrio del tessuto urbano. Interverremo con una progettualità di grande respiro sul piano infrastrutturale con Veronafiere, Società autostradale e Ferrovie italiane. Stiamo lavorando alla realizzazione, nell’area dell’ex scalo merci, di un grande parco, il Central Park di Verona, che urbanisticamente sani la frattura che esistente tra il quartiere fieristico e il centro. Sarà mezzo milione di metri quadrati di verde. Su questo l’Amministrazione si sta fortemente impegnando, con una realizzazione che cambierà anche il modo di arrivare in fiera.
 
 Concludo ricordando che la positiva collaborazione tra il Comune e i vertici di Veronafiere è sicuramente foriero di altri importanti successi veronesi, giocando insieme l’importante partita per la crescita dell’economia locale. Il tutto in una nuova cornice urbana, all’altezza dei primati di Verona.
 Siamo una piccola città con tante eccellenze, Vinitaly è una delle più grandi. L’obbligo dell’Amministrazione comunale è di fare in modo che questa fiera diventi sempre più importante e sempre più moderna.
 
 Benvenuti a Verona e buon Vinitaly a tutti.

Pubblicità