Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Lavori Consiglio comunale Verona dell'11 Gennaio

Approvata dal Consiglio comunale di ieri sera, con 22 voti favorevoli, 2 contrari e 5 astenuti, la delibera di ricognizione dello stato di attuazione dei programmi al 30 giugno 2017.

consiglio comunale4P“La verifica dello stato di attuazione dei programmi – ha detto l’assessore al Bilancio Francesca Toffal – è rappresentato dalla predisposizione di specifiche schede di rilevazione riferite ai vari programmi nei quali è stata articolata la relazione previsionale del bilancio 2017. Tali schede evidenziano l’andamento nello stato di attuazione dei progetti”.

 “Sembra più un atto dovuto per legge che un effettivo approfondimento delle attività realizzate – sottolinea il capogruppo di Sinistra in Comune Michele Bertucco –. Non mi pare si chiarisca con questi valori la situazione reale della città, in particolare per determinati progetti che andrebbero esaminati con altri parametri”.
 Critica sulle procedure di valutazione utilizzate anche il capogruppo del Movimento 5 stelle Marta Vanzetto, che definisce: “utopistici certi valori riportati. Ad esempio, definire raggiunto al 50 per cento il risultato su progetti come car sharing o piste ciclabili è pura fantasia”.

 Con 28 voti favorevoli, 1 contrario e 3 astenuti, sono state approvate le modifiche al regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose.
 Le variazioni hanno riguardato in particolare gli articoli relativi a: “Classificazione delle attività”, in cui è stata introdotta la definizione della musica di sottofondo; “Prescrizioni generali di contenimento dell’inquinamento acustico”, in cui sono state introdotte delle prescrizioni relative all’attività musicale di sottofondo; “Attività musicali in sale comunali”, articolo ex novo, che regolamenta la musica nelle sale di proprietà comunale concesse in uso ad enti o associazioni; “Dispositivi acustici esterni ai veicoli”, in cui è stata meglio definita la tipologia di emissione sonora vietata prodotta dall’uso di altoparlanti esterni ai veicoli; “Manutenzione aree verdi e servizio raccolta rifiuti”, i cui, su richiesta di AMIA, sono stati introdotti dei nuovi orari per l'utilizzo delle macchine ed attrezzature rumorose per operazioni di manutenzione delle aree verdi pubbliche.

 Al termine del dibattito è stata rinviata alla prossima seduta di Consiglio la votazione sulla delibera relativa alle osservazioni nell'ambito procedura di valutazione d'impatto ambientale con contestuale approvazione ed autorizzazione del progetto di ampliamento per la coltivazione della cava denominata ‘Bertacchina’.
 Durante il dibattito sono stati presentati una cinquantina di emendamenti collegati, che gli uffici preposti dovranno ora esaminare.
 L'intervento di ampliamento interesserà una superficie di cava pari a 22.200 m² per un volume di materiale utile pari a 325.000 m² per un periodo pari a 8 anni. Il progetto di ricomposizione prevede la restituzione dell’area di fondo cava all’uso agricolo, mentre le scarpate saranno rinverdite, previa stesura di uno strato di 50 cm di terreno vegetale.

 Contrarietà all’intervento è stata espressa dal capogruppo Pd Carla Padovani, che spiega: “mi rendo conto che il Comune è tenuto a dare solo un parere, ma respingendo questa proposta possiamo indicare alla Regione la contrarietà del Consiglio comunale a questo progetto e al danno ambientale ad esso collegato”.
 “Si continuano a riconoscere proroghe ed ampliamenti ad una cava che non è ben chiaro se rispetti tutte le indicazioni imposte nel tempo sulla sua gestione – precisa il capogruppo Bertucco –. Una lunga storia che pare non si voglia chiarire e concludere”.
 “Il Comune non si prende responsabilità – dichiara il capogruppo Vanzetto – e, anche in presenza dell’inadempimento delle prescrizione da parte del cavatore, da il parere favorevole alla delibera”.
 “La commissione – precisa il consigliere di Battiti per Verona Matteo De Marzi –, con diverse settimane di lavoro, ha adeguatamente approfondito il documento, tenendo in considerazione tutte le osservazioni evidenziate da maggioranza ed opposizione”.

 Approvati ad inizio seduta, con 21 voti favorevoli e 6 astenuti, i verbali delle sedute consiliari dal 14 Settembre al 21 Dicembre 2017. (Foto Marco Nordio)

Pubblicità