Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Verona: apertura di Palazzo Barbieri ai cittadini

Ieri prime visite accompagnate dal Sindaco Sboarina.

visiteBarbieri600

Palazzo Barbieri è stato aperto ieri per la prima volta alla visita dei cittadini, per permettere a Veronesi e turisti di ammirare le prestigiose sale istituzionali del primo piano del Comune. Oltre 100 persone si sono presentate nei primi gruppi di visite, continuate con altri ingressi per tutto il pomeriggio. Per l’occasione il Sindaco Federico Sboarina ha voluto accogliere i visitatori accompagnandoli nella loro prima visita.

“Queste sale, oltre ad essere ricche di storia e cultura, rappresentano il luogo dove si decide il futuro della città – ha sottolineato il Sindaco –. Il Comune è la casa di tutti, è giusto che i cittadini imparino a frequentarla”.

Tra le opere più rilevanti in mostra a Palazzo Barbieri, le due grandi tele della fine del Cinquecento presenti in sala Arazzi, “La vittoria dei Veronesi a Vaccaldo su Federico Barbarossa” (opera di Paolo Farinati) e “Cena in casa Levi” (opera della bottega di Paolo Caliari detto il Veronese) e, nella sala del Consiglio, la tela “Vittoria dei Veronesi sui Benacesi” e l’affresco “Cristo crocifisso tra la Madonna e San Giovanni”.

Le visite, della durata di circa un’ora, sono organizzate per massimo 25-30 persone a turno, che saranno accompagnate da personale specializzato incaricato dall’Amministrazione.
Le prenotazioni si effettuano alla Segreteria Didattica dei Musei civici veronesi, telefonicamente al numero 045-8036353 (il Lunedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 15, da Martedì a Venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16), o inviando una mail a segreteria didattica(at)comune.verona.it.

Pubblicità