Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Regione, vaccini. Per la moratoria sospensione temporanea in attesa del Consiglio di Stato

Sospensione temporanea in Veneto della moratoria per i vaccini e richiesta che venga portato al Consiglio di Stato

zaiaFace350il quesito sollevato riguardo ai tempi di applicazione per le iscrizioni dei non vaccinati da zero a sei anni negli asili nido e scuole di infanzia. Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia che ha ricevuto una lettera del direttore generale della sanità veneta, Domenico Mantoan, che comunica la sospensione della moratoria ribadisce "l'interpretazione" data dal Veneto. La parola ora passa al Consiglio di Stato.

 Zaia rileva che Mantoan gli ha scritto una lettera nella quale "conferma la sua posizione" riguardo all'interpretazione della legge sul fronte della possibilità "di fare un moratoria fino al 2019 per i bambini dai zero ai sei anni già iscritti agli asili o scuole d'infanzia privi di vaccinazione, interpretazione non condivisa dal ministero". "Mi ha comunicato - rileva Zaia - di sospendere temporaneamente con decisione autonoma, come peraltro avvenuto nella formulazione del decreto; di confermare l'interpretazione autentica della legge e di chiedere che l'amministrazione regionale si possa attivare per un parere autorevole rispetto a questo contenzioso. Pertanto - sottolinea Zaia - alla comunicazione fatta da Mantoan sulla sospensione confermo che chiediamo che venga inoltrato il quesito direttamente al Consiglio di Stato, istituzione deputata a dare una interpretazione autentica per Regione e ministero del testo di legge".

 "Risultano imbarazzanti le polemiche alle quali abbiamo assistito. Il Veneto ha sempre confermato la sua posizione a favore dei vaccini e a difesa del suo modello, unico in Italia, che si basa sulla non obbligatorietà e il dialogo con le famiglie". Lo rileva il governatore del Veneto, Luca Zaia, in merito alla querelle sui vaccini, ricordando che è un modello "condiviso da altri 15 Paesi europei, tra i quali Germania, Spagna e Gran Bretagna".
 "Inoltre ricordo - evidenzia - che proprio noi come Regione Veneto in tempi non sospetti, nel novembre 2016, abbiamo approvato un provvedimento per la scuola per i bimbi da zero a sei anni che impone che in ogni classe ci sia almeno il 95% dei bambini vaccinati. le polemiche alle quali abbiamo assistito sono alimentate da una scarsa conoscenza del tema".
 "Voglio inoltre ricordare - prosegue Zaia - che i bimbi da zero a sei anni già iscritti e privi di vaccinazione, in virtù delle direttive ministeriali a supporto della legge, per il tramite dell'Istituto dell'autocertificazione potranno comunque essere ammessi agli asili nido e scuole d'infanzia. E' la dimostrazione che tutte le dichiarazioni fatte da molte persone erano prive di una conoscenza delle norme. Ricordo, sempre a quelli che ci hanno dato degli untori, che i ragazzi dai sei ai 16 anni interessati dalla scuola dell'obbligo in base a questa legge devono frequentare anche se privi di vaccinazione perché a loro è garantito l'obbligo scolastico. Un'altra dimostrazione che molti prima di parlare dovrebbero stare zitti".

Pubblicità