Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Assemblea generale associazione beni patrimonio mondiale Unesco

Il Sindaco Flavio Tosi e il consigliere incaricato alla Cultura Antonia Pavesi sono intervenuti ieri per un saluto durante

patrimonioMondialeUnesco250l’apertura dei lavori dell’assemblea generale e direttivo dell’associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco. L’incontro, svoltosi al Museo degli Affreschi, si proponeva di deliberare, tra l’altro, un accordo tra l’associazione e Icomos Italia, un’organizzazione internazionale non governativa che opera per la conservazione dei monumenti nel mondo.

“E’ importante che tutte le istituzioni, non solo a livello locale ma anche finalmente a livello nazionale - ha detto Tosi - cerchino di dare ordine e disciplina alla promozione dell’ampia cultura italiana, che ovviamente parte dai siti Unesco, dall’arte, dall’architettura e dalla storia per arrivare fino alla tradizione enogastronomica. Una cultura che rappresenta una delle poche cose a non poter essere delocalizzata ed esportata, che resterà una ricchezza personale per ciascuno di noi e uno dei più grandi patrimoni di questo Paese”.

Soddisfazione per lo svolgimento di questa assemblea generale è stato espresso dal consigliere Pavesi che ha sottolineato che “l’associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco offre un’opportunità a diverse amministrazioni di conoscere le diverse realtà italiane, in una unione per la tutela del patrimonio che ci accomuna”.

L’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco è nata nel 1997 e raccoglie oltre 50 enti locali che gestiscono siti riconosciuti dall’Unesco ed inseriti nella lista dei beni mondiali oggetto di tutela; svolge attività di sostegno alle politiche di tutela e valorizzazione dei territori e dei beni insigniti del riconoscimento Unesco e rappresenta uno dei referenti prioritari per tutti coloro che, enti pubblici e soggetti privati, hanno a cuore il patrimonio culturale e paesaggistico italiano.

Pubblicità