Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Regione. Assessore Pan: "Nuovo fondo di garanzia multiregionale"

“Il focus periodico dello Sportello europeo di Veneto Agricoltura dimostra che la struttura imprenditoriale del

balbi285settore primario veneto sta rapidamente cambiando: meno superficie coltivata, meno imprese, ma più redditività. Segno di una agricoltura che investe, sa diventare competitiva e reggere la sfida della modernizzazione. Ed è in questa direzione che la Regione Veneto ha deciso di sperimentare un fondo di garanzia multiregionale per l’agricoltura. Perché dobbiamo dare gambe, anzi ali, alla propensione ad innovare e investire dei nostri imprenditori, in particolare i più giovani. Senza accesso al credito, e senza opportune garanzie di fronte ai rischi del mercato, anche i migliori progetti rischiamo di rimanere lettera morta” .

 Così l’assessore all’Agricoltura della regione Veneto Giuseppe Pan, oggi a Legnaro nella sede dell’Agenzia per il settore primario, ha commentato quanto emerso dal seminario sulla nuova Pac organizzato da Europe Direct.

 “Il Veneto è la prima regione in Italia a sperimentare un fondo di garanzia multiregionale per l’agricoltura. Questa azione, attraverso le risorse del Piano di Sviluppo Rurale, permetterà almeno di quadruplicare gli investimenti nel settore agricolo garantendo i prestiti alle imprese di settore del nostro territorio”, ha annunciato l‘assessore.

 Il fondo multi-regionale per l’agricoltura – ha ricordato Pan - è uno strumento finanziario il cui principale obiettivo è offrire al mercato italiano una garanzia pubblica sul credito all’agricoltura, per far fronte sia alla scarsità dell’offerta di credito al settore, sia alla forte avversione al rischio degli operatori finanziari.

 “E’ un anno che lavoriamo alacremente a questo progetto – ha concluso Pan– Superati i principali passaggi istituzionali con la Commissione Europea, sta ora approntando l’accordo convenzionale con il Fondo europeo per gli investimenti. Credo che entro l’anno potremo partire con l’emissione di prestiti che accompagneranno i tipi di intervento 4.1.1 e 4.2.1 del Programma di sviluppo rurale nello sviluppo del tessuto produttivo agricolo e agroalimentare”.

Pubblicità