Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Asfalti e dissesti: principali interventi su strade provinciali nel 2018

Dieci milioni di euro per sistemare l’asfalto lungo le strade provinciali danneggiate dal passaggio di mezzi pesanti, neve, ghiaccio e pioggia.

pastorello2018 300A tanto ammonta la cifra, stanziata lo scorso anno, che verrà investita dalla Provincia di Verona sulla viabilità di propria competenza nel 2018, da Sant’Anna d’Alfaedo a Legnago, da Valeggio sul Mincio a Cologna Veneta. In tutto, i tratti interessati dagli interventi corrisponderanno a oltre 132 chilometri distribuiti in 59 Comuni. Con il bilancio di previsione 2018-20, adottato dal Consiglio Provinciale la scorsa settimana, sono stati inoltre previsti altri 7 milioni di euro per le ribitumature, che verranno utilizzati nel 2019.

Sempre per la sicurezza stradale, nell’anno in corso, verranno impegnati quasi due milioni di euro per far fronte ai dissesti. Le opere in programma prevedono la realizzazione di barriere paramassi su alcuni tratti della Sp11 “della Val d'Adige” a Brentino Belluno, sulla Sp47 “dell’Altipiano” e su diverse altre strade provinciali di montagna. Verranno, inoltre, effettuati interventi di consolidamento sulla Sp36b nel Comune di Vestenanova e sulla Sp37 "dei ciliegi". Sono poi 1,2 i milioni di euro stanziati per il rifacimento di diversi guard rail.

Corrisponde a 500mila euro il fondo che la Provincia metterà già da quest’anno a disposizione dei Comuni per piccoli interventi sulla viabilità provinciale anche nei centri abitati, con un finanziamento massimo di 50mila euro a fondo perduto per la messa in sicurezza di incroci e attraversamenti. Per opere più ‘importanti’ ed economicamente più impegnative, come ad esempio le rotonde, la Provincia ha istituito, sempre a favore dei Comuni, un fondo da 3milioni di euro per il 2018. Il finanziamento, per ciascuna opera, coprirà al massimo il 50% delle spese e non potrà comunque superare i 250mila euro.

Pubblicità