Veronaoggi.it

Pubblicità

Baskin: Domenica di scena lo sport inclusivo

Pin It

L’obiettivo è fare canestro, come nel basket. Si chiama, però, baskin ed è una nuova attività sportiva

baskin650

che si ispira alla pallacanestro, ma rispetto alla disciplina tradizionale, ha caratteristiche diverse ed innovative. La più importante è che il baskin è stato pensato per far giocare nella stessa squadra ragazzi normodotati e disabili. Possono giocare persone con qualsiasi tipo di disabilità, fisica o mentale, che consenta il tiro a canestro.

 L’occasione per avvicinarsi e provare questo nuovo sport, è Domenica prossima, 10 Marzo, a Sport Expo. Nell’ambito della manifestazione, infatti, le società Asd Millecolori e la GhostBaskin Verona si affronteranno in un incontro di baskin che andrà in scena, alle 16, nella Crivit Arena (Veronafiere – entrata Re Teodorico).
 L’iniziativa è stata presentata, a palazzo Barbieri, dagli assessori al Sociale Stefano Bertacco e allo Sport Filippo Rando.

 Il baskin è uno sport di squadra, inventato in Italia, nel 2003. Si basa su un regolamento di dieci regole create per valorizzare il contributo di ogni persona all’interno del team. In questo modo il successo finale dipende realmente dal contributo di tutti anche perché, il campo da baskin prevede che, oltre alle due aree tradizionali del basket, ne siano inserite altre due laterali con canestri posti a differenti altezze. Quindi, anche chi è in carrozzina ha la possibilità di andare a canestro e fare punti.

 “La cosa più bella dell’attività sportiva – ha detto l’assessore allo Sport Rando – è vedere giocare insieme i ragazzi, guardarli superare i propri limiti, vederli felici insieme alle proprie famiglie. Domenica sarà un’occasione straordinaria per assistere a tutto questo e per capire quanto lo sport sia in grado di aggregare e di diffondere valori positivi come la condivisione, lo spirito di squadra, il sacrificio”.

Pubblicità
Pubblicità

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti