Veronaoggi.it

Verona: al via i controlli sui microchip dei cani

Pin It

Parte da Verona il progetto pilota ‘Cane sicuro’, che verifica la presenza del microchip sui cani a passeggio in città.

L’iniziativa, nata dalla collaborazione fra Comune, Polizia locale e veterinari del Canile Sanitario, primi a segnalare l’alto numero di cani senza microchip, punta ad accrescere fra i cittadini l’attenzione per la sicurezza e la cura del loro animale.

 Registrare il proprio cane all’anagrafe canina, con il relativo microchip, è obbligatorio per legge dal 1993 e il mancato rispetto comporta sanzioni pecuniarie che vanno da un minimo di 78 euro ad un massimo di 233 euro. Per la non applicazione del cip entro il 3° mese di vita dell'animale , invece, sanzioni che vanno da minimo di 104 euro ad un massimo di 259 euro.

 Ad oggi, nel solo Comune di Verona, i cani che risultano iscritti all’apposita anagrafe sono 28.125, mentre in Veneto, secondo l’Istat, ne sono censiti più di 1 milione e 213 mila. Eppure, si stima siano ancora numerosi i proprietari che, disattendendo la legge, non applicano al cane il microchip sottocutaneo con codice magnetico di 15 cifre valido per il riconoscimento.

 Nelle prime due settimane di verifiche, agenti della Polizia municipale specificatamente formati con il supporto del Canile Sanitario, hanno controllato complessivamente 84 cani, di cui 3 sono risultati senza il chip.

 Attraverso i controlli, effettuati nelle aree del centro storico maggiormente visitate da turisti e cittadini, sono stati esaminati: 29 cani in piazza Bra e piazza Erbe, di cui 16 iscritti all'anagrafe del Veneto, 7 in altra regione e 6 con passaporto perché provenienti da fuori Italia; 24 cani in piazza Bra e via Roma, di cui 17 iscritti all’anagrafe Veneto, 3 in altra regione, 2 con passaporto e 2 sanzionati perché privi di microchip; 31 cani in Porta Trento e giardini Lombroso, di cui 26 iscritti all’anagrafe del Veneto, 4 in altra regione e uno sanzionato per l’assenza del cip.

 “Grazie all’operazione ‘Cane Sicuro’ – spiega la consigliera delegata alla Tutela degli animali Laura Bocchi –, Verona è la prima città d’Italia ad attivare una specifica campagna di controllo per individuare tutti quei proprietari di cani che, non rispettando la legge, non microchippano il proprio animale. L’operazione, fortemente voluta dall’Amministrazione, punta ad accrescere l’attenzione verso il mondo animale e, in particolare, verso una obbligatorietà di legge che, nel caso dei cani, ne garantisce il controllo e una maggior sicurezza”.

 “La Polizia municipale di Verona, con l’inizio dell’estate – spiega il Comandante Luigi Altamura – ha deciso di incrementare, con l’utilizzo di un innovativo sistema di controllo, le verifiche sui microchip dei cani a passeggio in città. Con un semplice passaggio all’altezza del collo dell’animale è possibile accertare immediatamente la presenza o meno del cip e la correttezza dell’anagrafica inseriti nella banca dati del Veneto e all'Anagrafe canina nazionale. Ricordo che registrare il proprio cane, con relativo cip, è obbligatorio per legge”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità