Veronaoggi.it

Pubblicità

Trasporto sociale nel comune di Sona

Pin It

Il servizio di trasporto sociale nel Comune di Sona insieme al suo regolamento nasce con deliberazione

deI Consiglio Comunale l’1/04/2004 per rispondere a situazioni di particolari necessità di persone non autosufficienti o non deambulanti (anche solo temporaneamente), di persone in carico ai servizi sociali per raggiungere strutture a carattere assistenziale, educativo, centri di cura e riabilitazione. L’accesso è stato ed è inoltre previsto per le persone inserite in progetti sociali e socio educativi attivati dai Servizi sociali del Comune di Sona, su richiesta della stessa assistente sociale. Sono quindi trasporti che non necessitano di un mezzo dotato di equipe sanitaria, ma semplicemente “attrezzato” nel caso di beneficiari disabili motori e guidato da persone formate all’uopo. Le assistenti sociali, le educatrici e la segreteria dei Servizi Socio -educativi di Sona hanno saputo in questi anni disegnare un” puzzle “notevole per dimensione e cornice.

Fino ad oggi tale progetto è stato gestito grazie alla disponibilità e al convenzionamento con l’Associazione Gruppo volontario A.MI.CO di Lugagnano e con l’Associazione Fevoss Verona che utilizzano propri automezzi e, in parte, volontari civici che utilizzano mezzi del Comune.
Un servizio di trasporto sociale importante e sempre più in crescita che risponde all’accesso e al bisogno annuale di circa 100 cittadini, allo svolgimento di circa 2500 servizi e 60.000 km percorsi.
L’organizzazione di tale servizio manifesta la reale necessità di avere una gestione maggiormente articolata, pronta a superare le difficoltà di carenza di personale che talvolta le associazioni di volontariato possono manifestare o che si delineano.

Per questo motivo Il Comune di Sona ha ritenuto valutare l’esistenza di un’organizzazione di volontariato o associazione di promozione sociale che condividesse, con passione e impegno, le finalità del servizio di trasporto sociale in grado di organizzare e gestire in continuità il progetto a favore delle persone in difficoltà collaborando con altre realtà di volontariato presenti per divenire punto di riferimento per i cittadini .Ha quindi messo a disposizione un contributo a titolo di rimborso per le spese sostenute e documentate necessarie per il coordinamento e lo svolgimento del servizio di trasporto sociale. L’Associazione SOS,ODV che opera da trenta anni nell’emergenza sanitaria e nella Protezione Civile , sempre attenta ai bisogni della Comunità, ha accolto con entusiasmo l’opportunità e l’obiettivo di non disperdere o vanificare l’operato già svolto.

“Esprimo soddisfazione per questo traguardo che vede protagonisti molti attori di comprovata esperienza, forti del loro bagaglio e della loro storia a servizio della Comunità di Sona. Un nuovo percorso da costruire insieme che aspira a risultati funzionali ancora migliori. La pazienza, i suggerimenti e l’ascolto delle persone destinatarie del progetto ci guideranno verso la formula da scoprire e potenziare. Significa riprendere ‘il viaggio’ conoscendo l’alto valore del servizio sino ad oggi portato avanti grazie alla disponibilità di persone straordinarie e di buona volontà che lasciano spazio a nuovi orizzonti” - conclude l’Assessore alle Politiche sociali Elena Catalano.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità