Veronaoggi.it

Pubblicità

S, Giovanni Lupatoto: Firmato il protocollo d’intesa per il progetto solidale RE-AL a.s. 2019/20

Pin It

L’obiettivo condiviso è far fronte allo spreco di cibo: i pasti non consumati nelle mense scolastiche vengono recuperati per le famiglie lupatotine in difficoltà

mensaSolidale350È stato firmato in municipio il protocollo d’intesa per il progetto Re-Al – recupero eccedenze alimentari locali, tra Comune di San Giovanni Lupatoto e Sgl Multiservizi Srl nella figura del Pres. Nicola Fasoli, Euroristorazione Srl, nella figura del Dir. Operativo d’Area Giorgio Gardin, l’Associazione di Promozione Sociale Prowin Proposte di Welfare Innovativo nella figura del Pres. Piercarlo Roi.

Gli assessori Maurizio Simonato, delegato al sociale, e Debora Lerin, delegata all’istruzione, assieme all’assessore delegato alle partecipate Maria Luigia Meroni, hanno ricordato come il progetto Re-Al, che ha lo scopo di recuperare gli alimenti ancora integri e non consumati, è stato attivato a livello sperimentale nel 2017 con il recupero dei pasti delle mense scolastiche, per distribuirli attraverso una rete solidale alle famiglie che si trovano in difficoltà economica o in marginalità sociale. Danno inoltre il loro supporto attivo al progetto l’Associazione Caritas della Parrocchia “Santa Maria Maddalena” di Raldon, il Dipartimento di Prevenzione ULSS 9 Scaligera e volontari attivati dal Comune.

La novità del corrente a.s. 2019-20 è la disponibilità del un nuovo locale cucina a Ca’ Sorio, sede del Centro per la Famiglia, dove verranno svolte le operazioni di abbattitura, porzionatura e confezionamento in giornata, garantendo quindi non solo la qualità del cibo, ma anche gli standard sanitari. Tali operazioni sono svolte da volontari selezionati dai nostri Servizi Sociali, appositamente formati da Euroristorazione e dotati di un mezzo messo a disposizione al Comune grazie al sostegno di alcune imprese lupatotine. Questo ulteriore passaggio consentirà nel prossimo futuro di aggiungere ai pasti non distribuiti e non consumati nelle mense scolastiche, anche alimenti provenienti da attività del paese, favorendo un circolo virtuoso dal punto di vista sociale, economico e ambientale.

“Re-Al consente di raggiungere obiettivi didattici importanti quali la riduzione dello spreco alimentare delle mense e il supporto a una corretta educazione alimentare, con prodotti biologici e di alta qualità, seguendo la stagionalità di frutta e verdura. Inoltre numerose famiglie destinatarie dei pasti hanno espresso apprezzamento per la cura con la quali vengono confezionati e distribuiti” spiega l’assessore Debora Lerin.
“Il progetto Re-Al ha molte valenze, tra cui quella sociale è fondamentale, consentendo di proporre ai concittadini in difficoltà dei pasti confezionati con l’impiego di volontari segnalati dai Servizi Sociali che possono così, anche se in modo temporaneo, tornare ad approcciarsi col mondo del lavoro. Questa ulteriore evoluzione consentirà di aumentare gli alimenti che potremo recuperare e mettere a disposizione dei nostri concittadini. Colgo l’occasione per ringraziare per l’opera volontaria di distribuzione dei pasti la Caritas di Raldon”, spiega l’Assessore delegato al Sociale Maurizio Simonato.

Il pres. di Euroristorazione sig. Gardin ha anche sottolineato come il nostro Comune sia un modello positivo da imitare, per l’attenzione al recupero delle eccedenze alimentari.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità