Accordo tra Comune e Università per progetti e finanziamenti

Sindaco Sboarina: "A beneficiarne saranno cittadini e studenti"
 
Sempre più stretta la sinergia tra Comune e Università.

accordoComune400A soli due mesi dall’insediamento nella nuova governance d’Ateneo, proposte e idee di collaborazione sono state messe nero su bianco, in un accordo della durata triennale. Per la prima volta, le due Istituzioni sottoscrivono un patto per migliorare la qualità di vita e la salute dei veronesi, per sviluppare innovazione, sostenibilità ed efficienza in più settori e per valorizzare il patrimonio Unesco. Ma anche per promuovere insieme le eccellenze scaligere, attraverso percorsi turistici e convegni, e per migliorare l’inserimento degli studenti in città.

 Il sindaco Federico Sboarina e il rettore Pier Francesco Nocini hanno sottoscritto ieri il primo accordo di collaborazione tra Comune e Università di Verona. Di fatto, una rete congiunta di istituzioni, con le rispettive conoscenze e competenze, scende in campo per la realizzazione di progetti e iniziative che abbiano un impatto importante sul territorio e che possano ottenere finanziamenti pubblici e privati. Un’opportunità non solo per il Comune e per l’Università, ma per tutta la città.

 “E’ la prima tappa di un percorso che non sarà accademico e amministrativo ma molto concreto con importanti risvolti per la città. I primi a beneficiarne concretamente saranno i cittadini veronesi oltre che gli studenti – ha detto Sboarina -. Per la prima volta, con il nuovo rettore, Comune e Università firmano un accordo per una collaborazione stretta e operativa. L’unico modo per far crescere la città è far sì che le istituzioni lavorino insieme e i privati si mettano in gioco. È quello che finalmente sta succedendo in molti ambiti culturali veronesi e adesso avverrà anche con l’Università. Verona è orgogliosa del suo ateneo e vogliamo che gli studenti partecipino attivamente alla vita della città. Uniremo risorse e conoscenze, facendo lavorare assieme dipartimenti e assessorati. Sono già tanti i tavoli che abbiamo aperto con l’ateneo, su diverse questioni da risolvere”.

 “Un’intesa, quella tra Comune e Università, che non era scontata ma che abbiamo voluto fortemente – ha spiegato Nocini -. Finalmente l’Università entra a pieno titolo nelle scelte decisionali della città, riducendo la burocrazia e aumentando la sinergia con le istituzioni del territorio, pronte a una proficua e ampia collaborazione. Solo così arriveremo al successo e otterremo risultati importanti per le persone che vivono e studiano a Verona. Proprio come avrebbe voluto Hrayr Terzian, primo rettore dell’Ateneo scaligero. Questo accordo ci permetterà di diventare un polo ancora più attrattivo per le nuove generazioni e, allo stesso tempo, di fare rete per ridare ai nostri giovani la speranza, affinchè i loro sogni professionali si realizzino. È una sfida importante e ragguardevole, che abbiamo l’obbligo morale di cogliere, e che, tutti insieme, sono certo riusciremo a vincere. Partiamo dalle urgenze come la valorizzazione di Veronetta e l'implementazione dei servizi per far sì che le nostre studentesse e i nostri studenti possano godere a pieno della loro vita universitaria nella nostra città”.