Domenica 19 a Lazise la vetrina delle eccellenze dell'agrifood veneto

Assessore regionale agricoltura: "Veneto leader con 92 prodotti certificati di qualità"

balbi285Domenica 19 Maggio a Lazise, sulla sponda orientale del lago di Garda, Regione Veneto e Veneto Agricoltura ripropongono per il sesto anno consecutivo il Festival delle Dop, la vetrina dei migliori prodotti tra le 92 denominazioni d’origine dell’agroalimentare veneto.

Protagonisti saranno ancora una volta i Consorzi di Tutela che promuoveranno i prodotti dell’agroalimentare veneto riconosciuti dai marchi di qualità dell’Unione Europea DOP (denominazione di origine protetta) IGP (indicazione geografica protetta) e STG (specialità tradizionale garantita) e dalla certificazione nazionale e regionale Qualità Verificata.
Il Festival delle DOP offre una occasione in più, ai consumatori veneti e ai turisti, per conoscere le eccellenze agroalimentari della nostra regione – osserva l’assessore all’Agricoltura della Regione del Veneto – che, con quasi 1,8 milioni di euro di fatturato, rappresentano il punto di forza del comparto del primario e della buona tavola, nonchè il volano dell’export agroalimentare e del turismo enogastronomico, capace di coniugare cibo, ospitalità, formazione e occupazione”.

Il Veneto è la terza regione d’Italia, a pari merito della Toscana, per numero di prodotti a denominazione d’origine, con 92 certificazioni su 818 prodotti ‘tricolori’ di qualità. Il comparto food conta 36 prodotti a denominazione d’origine, di cui 18 del settore ortofrutticolo (dal radicchio di Treviso o di Chioggia, all’asparago bianco di Bassano dalle ciliegie di Marostica al fagiolo di Lamon, solo per citarne alcuni). La parte del leone la fanno i vini, con 53 etichette registrate, che fanno del Veneto la prima regione in assoluto per valore alla produzione, con 1,4 miliardi di euro, pari al 40% del valore fatturato in Italia.

Nel comparto ‘food’ i prodotti veneti a denominazione d’origine protetta (Dop) sono il prosciutto Veneto Berico-Euganeo, i salamini italiani alla cacciatora, la sopressa Vicentina, la cozza di Scardovari, il formaggio Asiago, la Casatella trevigiana, il Grana Padano, il Montasio, il Monte Veronese, il formaggio Piave, il Provolone Valpadana, il Taleggio, il miele delle Dolomiti Bellunesi, l’olio Garda, l’olio Veneto, l’aglio Bianco Polesano, l’asparago bianco di Bassano, il marrone di San Zeno.
I prodotti Igp (indicazione geografica protetta) sono l’asparago bianco di Cimadolmo, l’asparago di Badoere, la ciliegia di Marostica, il fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese, l’insalata di Lusia, il marrone di Combai, i marroni del Monfenera, la pesca di Verona, il radicchio di Chioggia, il radicchio di Verona, il radicchio Rosso di Treviso, il radicchio variegato di Castelfranco, il riso del Delta del Po, il riso Nano Vialone Veronese, il cotechino di Modena, la mortadella Bologna, il salame Cremona, lo zampone Modena.
Le Specialità tradizionali garantite (Stg) sono il latte fieno, la mozzarella e la pizza napoletana.

Nel comparto ‘wine’ le Dop venete sono: Amarone della Valpolicella, Bagnoli Friularo, Bardolino Superiore, Colli Asolani – Prosecco, Colli di Conegliano, Colli Euganei Fior d’Arancio, Conegliano Valdobbiadene – Prosecco, Lison, Montello rosso, Piave Malanotte, Recioto della Valpolicella, Recioto di Gambellara, Recioto di Soave, Soave Superiore, Arcole, Bagnoli di Sopra, Bardolino, Bianco di Custoza, Breganze, Colli Berici, Colli Euganei, Corti Benedettine del Padovano, Delle Venezie, Gambellara, Garda, Lessini Durello, Lison – Pramaggiore, Lugana, Merlara, Montello - Colli Asolani, Monti Lessini, Piave, Prosecco, Riviera del Brenta, San Martino della Battaglia, Soave, Valdadige, Valdadige Terra dei forti, Valpolicella, Valpolicella Ripasso, Venezia, Vicenza, Vigneti della Serenissima.
I vini veneti ad indicazione geografica protetta (IGP) sono Alto Livenza, Colli Trevigiani, Conselvano, Marca Trevigiana, Trevenezie, Vallagarina, Veneto, Veneto Orientale, Verona, Vigneti delle Dolomiti.