Veronaoggi.it

Pubblicità

Verona. Degrado e sicurezza: le operazioni di Maggio e Giugno

Pin It

Polato: "Oltre 35mila interventi e risultati incredibili"

controlli2 350Oltre 35 mila interventi per quasi 3 milioni di euro di sanzioni erogate e 4224 richieste alla Centrale Operativa da parte di cittadini. Questo il risultato degli ultimi due mesi di operazioni di controllo effettuate dalla Polizia municipale su tutto il territorio cittadino.

 Tra Maggio e Giugno sono state 458 telefonate che segnalavano degrado, persone moleste o ubriache e occupazioni abusive di spazi pubblici; 42 le persone denunciate all’autorità giudiziaria, 8 per invasione di terreno ed edificio, 3 per truffa e 20 per guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti.
 Un cittadino rumeno, 46enne, sorpreso in pieno pomeriggio a fare il bagno e a prendere il sole completamente nudo lungo l'Adige di fronte a Castelvecchio, è stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico.

 Sul fronte degli sgomberi da aree pubbliche e private, invece, effettuate 16 operazioni. Tra queste l’intervento di controllo realizzato in alcuni immobili mai terminati in via Cernisone, in cui è stato trovato a vivere un 39enne rumeno che, oltre ad aver allestito all’interno un vero e proprio appartamento, per la sua sicurezza aveva predisposto un allarme rudimentale per tenere lontano gli intrusi. Un’altro sgombero in via Monte Tesoro, dove nell'autorimessa condominiale era stato ricavato un minialloggio, in cui è stato trovato all'interno un tunisino 42enne, con numerosi precedenti penali. Altri 23 sgomberi sono stati effettuati su aree rurali abbandonate, capannoni industriali dismessi, ex forti austriaci, parcheggi cittadini, come il P3 della Fiera e il park C dello stadio, dove sono stati allontanate tre carovane di nomadi composte da 12 roulotte e 6 camper.

 Intensa l'attività delle delegazioni periferiche, con 3503 accertamenti anagrafici, 98 sanzioni per violazioni ai regolamenti comunali, 4980 violazioni al Codice della Strada, 68 controlli a sale-gioco e 22 violazioni all’ordinanza sindacale per il rispetto degli orari, 28 veicoli abbandonati diventati rifiuto pericoloso, 124 rimozioni di veicoli.

 A seguito dei controlli sul territorio sono stati trovati sulle strade cittadine 5 veicoli rubati. Di questi, una vettura BMW è stata rinvenuta in un sentiero sulle Torricelle dove era stata probabilmente collocata per lo smontaggio dei pezzi.

 Sono 37 le attività commerciali controllate, con 16 sanzioni emesse per plateatici abusivi o superiori alle dimensioni concesse. Sequestrati oltre 800 pezzi, tra ombrelli, ponchi, giocattoli luminosi, accendini, cinture; 14 venditori abusivi sanzionati in centro. Infine, 140 violazioni al Regolamento di Polizia Urbana contestate ad accattoni, prostitute e figuranti non autorizzati.

 “Ogni giorno gli agenti della Polizia municipale compiono uno sforzo straordinario per garantire l’adeguato controllo e sicurezza di tutto il territorio cittadino – sottolinea l’assessore alla Sicurezza Daniele Polato –. Un enorme lavoro che ha portato fino ad oggi a risultati incredibili in termini di interventi, verifiche e sanzioni effettuate, con oltre 35 mila interventi. A breve, nell’ottica di un sempre crescente potenziamento delle risorse in dotazione alla Polizia locale, i nostri agenti saranno supportati nel lavoro anche da due unità cinofile. Purtroppo abbiamo risorse limitate che non ci consentono di intervenire come dovremmo. Grazie all’applicazione del Daspo urbano, da ieri ufficialmente in vigore, abbiamo un nuovo strumento che ci consentirà di intervenire con più determinazione e, attraverso allontanamenti, divieti ed aggravio di pena, disincentivare la presenza di soggetti pericolosi sul territorio cittadino e, in una visione più ampia, nel nostro Paese”.

 “Ieri – dichiara il Comandante della Polizia municipale Luigi Altamura –, sono stati effettuati i primi due ordini di allontanamento a carico di due centurioni da tempo attivi irregolarmente in città, che approfittavano dei turisti per ottenere denaro indebitamente in cambio di una fotografia. L’intervento, frutto della recente approvazione del nuovo regolamento sicurezza per il Daspo Urbano, è la prima segnalazione a carico dei due soggetti che, oltre al pagamento della sanzione pecuniaria, che va da un minimo di 100 ad un massimo di 300 euro, sono ora vincolati all’allontanamento immediato dall’area della violazione, per un raggio di almeno 200 metri e per un massimo di 48 ore”.

 Inoltre, secondo quanto indicato dal nuovo regolamento di sicurezza urbana, se ritrovati nei successivi giorni a delinquere nello stesso luogo, scatterà a loro carico la seconda fase del Daspo, con un raddoppio della sanzione pecuniaria, che va da un minimo di 200 a un massimo di 600 euro, e la segnalazione alla Questura per il definitivo divieto di accesso all’area. A questo punto, in caso di reiterazione del reato, nei loro confronti potrà scattare la denuncia penale, con un evidente aggravio del reato, e la possibile adozione del foglio di via.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità