Veronaoggi.it

Pubblicità

Coronavirus: mascherine nella cassetta della posta

Pin It

Consentite passeggiate a chi soffre di autismo
 Prende il via, su tutto il territorio comunale, la distribuzione delle mascherine inviate dalla Regione Veneto.

mascherinePosta300 Ieri pomeriggio, i volontari della Protezione Civile, muniti di pettorina di riconoscimento o in divisa, hanno iniziato ieri a inserire in ogni cassetta della posta un pacchetto sigillato contenente 3 dispositivi. Un numero contingentato e calcolato sulla media delle persone presenti negli appartamenti, in modo da far avere a tutti i cittadini le mascherine. “Nessuno entrerà nelle case dei veronesi – ha sottolineato questa mattina il sindaco Federico Sboarina durante il consueto punto stampa in diretta streaming -. Per cui non dovete aprire la porta, vi suoneranno solo per accedere all’androne condominiale e raggiungere così le cassette. Un’attività capillare senza precedenti, mai fatta a Verona, che vedrà coinvolti centinaia di volontari, ben riconoscibili grazie alle casacche, persone che ringrazio una ad una per il prezioso servizio svolto. Dobbiamo raggiungere migliaia di persone, ci vorrà qualche giorno per completare la distribuzione, quindi chiedo a tutti di pazientare e di capire la situazione. Chi ha in casa dispositivi sanitari certificati utilizzi prima quelli per uscire, queste che verranno consegnate sono comunque una barriera per chi non ha a disposizione le altre mascherine. Tutto serve per limitare i contagi. Continuiamo a ragionare in termini di comunità, vorrei non vedere più nessuno per strada senza i dispositivi addosso. Ringrazio, inoltre, il gruppo Calzedonia per averci donato 5 mila mascherine che distribuiremo a quanti sono impegnati a lavorare in prima linea per questa emergenza sanitaria”.

 La distribuzione delle mascherine non è in contemporanea in tutta la città perchè l’invio da parte della Regione è per scaglioni giornalieri. Allo stesso modo, quindi, la consegna a domicilio in ognuna delle 8 circoscrizioni avviene quotidianamente in maniera proporzionale al numero degli abitanti. Si chiede ai cittadini di avere pazienza e attendere l'arrivo dei volontari, comunicando solo eventuali disguidi e non per chiedere la data di recapito. Per le segnalazioni, contattare il numero verde comunale 800644494, attivo tutti i giorni della settimana, sabato e domenica compresi.

 Altra importante novità riguarda le persone con disturbi dello spettro autistico che ora potranno uscire di casa insieme all'accompagnatore. Una deroga per motivi di salute che consentirà alle famiglie con bambini e ragazzi ‘speciali’ di andare fuori e passeggiare, mantenendo le distanze di sicurezza e indossando i dispositivi di protezione. Le Forze dell’Ordine di tutta la provincia sono già allertate e informate. “Sussistono importanti ragioni di salute, per cui è necessario che queste persone escano e scarichino la propria iperattività – ha spiegato Sboarina -. Ecco perché, in accordo con il prefetto e tutti i sindaci della provincia, abbiamo stabilito questa deroga, uguale su tutto il territorio veronese, andando incontro alle esigenze di quanti soffrono di disturbi dello spettro autistico e delle loro famiglie”. “Obiettivo raggiunto – ha affermato l’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco -. Dopo la mia segnalazione al sindaco e al prefetto le famiglie con figli autistici possono uscire e dare sollievo a questi ragazzi. Non è un capriccio degli adulti, ma credetemi, la grossissima difficoltà di gestione del tempo di queste creature. Quando con la presidente della commissione consiliare per le politiche sociali Maria Fiore Adami abbiamo ideato la settimana Blu, lo abbiamo fatto soprattutto per far conoscere l’autismo e sensibilizzare le persone. Verona oggi si conferma ancor di più Città Amica dell’Autismo”

 Il sindaco ha chiuso la diretta parlando di situazione ancora particolarmente critica e ringraziando i veronesi per la grande prova di maturità dimostrata in questi giorni. “I numeri dei contagi sono ancora alti, frutto dei comportamenti delle scorse settimane – ha concluso Sboarina -. Ringrazio tutti i veronesi che hanno capito la situazione e, facendo grandi sacrifici, hanno pensato al bene della comunità, rispettando i provvedimenti. L’abbiamo visto durante l’ultimo weekend, quando la città era praticamente deserta. I risultati di questa grande prova di maturità, alla quale la popolazione sta rispondendo con grande responsabilità, arriveranno. Dobbiamo tutti portare pazienza e sforzarci affinchè non vengano vanificate le azioni fin qua intraprese. Verona si sta dimostrando molto forte, sono sicuro che ce la faremo. Dobbiamo insistere affinchè gli 81 casi registrati stamattina rispetto alle 17 di ieri e i 129 contagi in più delle ultime 24 ore si azzerino. Continuiamo su questa strada per tornare quanto prima alla normalità”.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità