Veronaoggi.it

Pubblicità

"Dalla fame allo spreco": se ne parla il 29 Novembre all'Accademia di Agricoltura di Verona

Pin It

Viviamo in un’epoca in cui lo spreco alimentare nei Paesi più ricchi è all’ordine del giorno, mentre in quelli più poveri 113 milioni di persone sono colpite da gravissime crisi alimentari, vittime della fame e della malnutrizione.

palazzoErbistiAccademiaAgricoltScienze350Questi ingenti sprechi di cibo sono riconducibili a motivazioni prettamente legate al percorso della filiera alimentare (dalla produzione alla vendita) e al consumo domestico e alla ristorazione.
 E il nostro Paese come si posiziona in fatto di spreco? A seguito di un’indagine comparativa dell’Osservatorio sulle eccedenze, recuperi e sprechi alimentari del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria) svoltasi nel 2018 e che ha coinvolto diversi Paesi europei (Olanda, Spagna, Germania e Ungheria) è emerso come in Italia si calcoli uno spreco medio di 370 g/settimana/famiglia, in linea con quello olandese (365 g/settimana) e inferiore a quello spagnolo e tedesco (534 g/settimana) nonché ungherese (464 g/settimana). Ne evince che l’Italia sia uno dei Paesi europei all’avanguardia rispetto a questa tematica e che si sta sensibilizzando sempre più e acquisendo una sempre maggiore consapevolezza in merito all’impatto negativo che lo spreco alimentare ha in diversi ambiti quali l’economico, il sociale e l’ambientale. Lo spreco maggiore nel nostro Paese si è riscontrato nelle famiglie monocomponenti e nei segmenti di età più giovane. I prodotti alimentari più sprecati sono verdura, frutta fresca e pane, seguiti da pasta, patate, uova, budini, derivati del latte (yogurt, formaggi).

 Quest’argomento di grande importanza verrà discusso Venerdì 29 Novembre alle ore 17:00 presso l’Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona (Palazzo Erbisti, via Leoncino 6), durante la seduta pubblica “Dalla fame allo spreco” presieduta dal segretario dell’Accademia Massimo Valsecchi.
 Verranno presentati i relatori Antonio Iannucci, già Direttore U.O. complessa: Anatomia e Istologia Patologica – OCM; Piercarlo Roi, Presidente Associazione promozione Sociale PRO WIN/Network NotforProfit; Luca Falasconi, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari Università di Bologna.
 Partendo dalla nascita nel tardo Ottocento di locande sanitarie atte a sfamare i pellagrosi, si analizzeranno poi le moderne modalità per recuperare e riutilizzare il cibo scartato, nonché interventi già in atto e in programmazione nella provincia per il raggiungimento di quest’obiettivo. A seguire verranno illustrati la nascita e lo sviluppo presso l’università di Bologna del progetto Last Minute Market.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità