Veronaoggi.it

Pubblicità

Polizia: educazione alla guida con il progetto “In Vino Virtus”

Pin It


Il progetto “In Vino Virtus” si conferma, ancora una volta, come l’unico in tutta Europa a vedere una forza

vinoVirtus650

di Polizia promotrice di un’iniziativa di educazione alla guida sicura e ad un bere responsabile in diretta collaborazione con le aziende vinicole e le associazioni di categoria.
Proprio in virtù di questo primato, l’iniziativa, ideata e realizzata cinque anni fa dalla Questura di Verona, oltre ad aver ottenuto il benestare del Capo della Polizia, ha ricevuto, quest’anno, un prestigioso riconoscimento da parte del Parlamento Europeo, del Ministero dell’Interno e del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo che, per l’edizione 2019, patrocineranno l’iniziativa.

Grazie alla partnership, ormai consolidata, con Wine In Moderation e alla collaborazione dell’Unione Italiana Vini, anche quest’anno verranno prodotte, gratuitamente, delle bottiglie di vino le cui etichette riporteranno, oltre al logo della Polizia di Stato e degli Enti patrocinanti, il claim “Change your drinking, save your life”.
Le bottiglie saranno presentate all’interno degli stand della Polizia di Stato ed esibite, insieme a locandine informative ed etiolotest monouso, presso il quartiere fieristico di Verona, negli spazi dedicati alle aziende vitivinicole aderenti all’iniziativa.

Nello stesso contesto espositivo l’Associazione “Arcobaleno”, particolarmente impegnata nel campo del volontariato a sostegno delle persone affette da disabilità, ha inteso promuovere la campagna di sensibilizzazione sulle problematiche del disagio psichico, intitolata “Un brindisi alla salute mentale, patrimonio dell’umanità”. La Polizia di Stato, considerate le meritorie finalità, patrocinerà il citato progetto ed esporrà all’interno dei propri stand, le bottiglie realizzate per l’occasione. A queste sarà apposta un’etichetta dell’Associazione Arcobaleno, recante un disegno realizzato da un disabile, seguito da una frase a tema, vergata da diverse Autorità locali (Prefetto, Procuratore Capo della Repubblica, Questore, Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri ed altri).

A presentare l’iniziativa presso la Questura di Verona, sono stati il Vicario del Questore, Dott. Giuseppe Maggese, insieme ad altre autorità.
Il Vicario del Questore ha evidenziato come l’obiettivo della campagna “In Vino Virtus” è quello di diffondere i valori della guida sicura e dell’educazione stradale. Per tale motivo, all’interno degli stand della Polizia di Stato verranno posizionati dei simulatori di guida che, utilizzati in combinazione a degli occhiali deformanti, daranno al pubblico interessato la sensazione di guidare in stato di ebbrezza alcolica. In tale contesto educativo, saranno presenti esperti della Polizia Stradale che, anche attraverso gli strumenti dell’etilometro e del precursore, forniranno ai visitatori ogni utile informazione e consiglio per scongiurare i rischi legati all’eccessiva assunzione di alcolici: tutto questo, al fine di veicolare al meglio il messaggio del bere consapevole, moderato e responsabile, contro il grave fenomeno della guida in stato di ebbrezza.

Anche per questa edizione saranno allestiti due stand istituzionali: uno, dal 5 all’8 Aprile, nell’ambito del fuori salone “Vinitaly and the city”; l’altro, dal 7 al 10 aprile, nell’ambito dell’evento fieristico “Vinitaly”, salone internazionale dei vini e dei distillati.

Per l’occasione, nella giornata dell’8 Aprile, l’evento in fiera sarà arricchito dalla partecipazione della Lamborghini Huracan della Polizia di Stato che verrà posizionata in prossimità dello stand come simbolo per eccellenza della guida sicura in situazioni d’emergenza.

Nelle giornate del 7 e dell’8 Aprile, inoltre, sempre presso lo stand della Polizia di Stato interno al salone espositivo di Verona Fiere, verrà posizionata l’autovettura d’epoca Ferrari 250 GT/E.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità