Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Verona. Controllo esercizi commerciali: solo 3 su 13 in regola

Solo 3 esercizi commerciali sono risultati in regola, dei 13 ispezionati Lunedì sera dalla Polizia municipale nelle zone

controlliNegozi250di Veronetta, Borgo Roma e Borgo Milano, nel corso di un’operazione antidegrado e di verifica amministrativa.

Al centro dei controlli, ai quali ha partecipato anche l’assessore alla Sicurezza, venditori di kebab, bar, sale videolottery, una macelleria e minimarket etnici.
In totale sono state 36 le persone fermate durante le verifiche, dalle quali sono emerse anomalie di conservazione dei prodotti, la presenza di alcuni alimenti scaduti, la mancanza di etichette obbligatorie in lingua italiana sulle confezioni, l’assenza dei cartellini dei prezzi. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte del reparto di Polizia amministrativa, insieme all'Ulss 9.

“Un’attività importante – ha spiegato l’assessore – al fine di monitorare le attività commerciali ma anche i quartieri più sensibili, che ha portato a numerose identificazioni, finalizzate al controllo del territorio e delle frequentazioni di alcuni locali. A Verona non ci devono essere zone franche né per chi decide di aprire un esercizio commerciale né per chi affitta spazi o appartamenti. Nel corso delle verifiche nella zona Sud della città, infatti, siamo entrati nell’alloggio di un esercente, adiacente al negozio, e abbiamo trovato una situazione a dir poco irregolare: sei posti letto, che in relazione alla metratura disponibile, risultano non solo ia violazione alle norme relative all’idoneità abitativa, ma dimostrano il subaffitto dei locali”. Sono ancora in corso accertamenti da parte degli agenti sull’utilizzo dell’appartamento.

Nel corso della serata sono stati fatti anche controlli anti-prostituzione a Verona Sud e allo Stadio. In collaborazione con Amia, inoltre, sono state ripulite alcune zone segnalate dai cittadini, come l’area attorno porta Vescovo e i vicini giardini Baden Powell.

Pubblicità