Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Riceviamo e pubblichiamo

E dunque Verona, la Verona dell'accoglienza e dello shopping è pronta a soddisfare ancora una volta i capricci dei visitatori e degli acquirenti veronesi più esigenti.

verona panoramaPPerché con i nuovi parcheggi cittadini “melius est abundare quam deficere” il nuovo centro commerciale e le bellezze che la città offre di suo, tutto si può dire all'infuori che Verona non sia proiettata tra le più alte sfere del turismo e dell'accoglienza internazionale.

 Ma per dirla alla Cetto, la “qualunquemente”cosa lascia un po' dubbiosi tutti noi in tema di ricaduta economica, sopra tutto per quanto riguarda la creazione di nuovi posto di lavoro.
 Perché come capita sempre più spesso di questi tempi, non è dimostrata la correlazione esistente tra investimenti effettuati e posti di lavoro creati.

 Su detto tema, invece, sono tentato di dimostrare l'esatto contrario, con argomentazioni spero convincenti e che naturalmente lascio giudicare ai lettori, con la doverosa premessa che in ogni caso non è mia intenzione convincere alcuno e che sono pronto ad essere smentito in qualsiasi momento.

 Basta ad esempio farsi una passeggiata nel centro storico cittadino tra i negozi, anche quelli più griffati, fingendosi un giovane in cerca di lavoro, per capire che se va “alla grande” viene offerto uno stage o un tirocinio di varia natura e origine, massimamente - se hai un gran fondo schiena - un contratto part-time da “aggiustarsi” in loco.
 La medesima situazione riscontrerei anche nei negozi del nuovo centro commerciale da poco inaugurato, dove se si è creato qualche vero nuovo posto di lavoro è perché e stato sottratto da un altro centro commerciale obsoleto che invece è destinato a chiudere.

 Se poi decidiamo di alloggiare in un albergo e svolgiamo una breve indagine, constateremo che gli addetti ai servizi di pulizia e di facchinaggio, che rappresentano il maggiore numero del personale impiegato, non sono veronesi e nemmeno italiani ma cittadini di altri paesi assunti da cooperative di lavoro.

 Insomma a Verona meglio venire da turisti che sopravviverci da cittadini con un lavoro sicuro. (Lettera firmata)

Pubblicità