Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Regione. Conoscere le mafie e costruire la legalità: iniziativa di formazione

L’assessore regionale alla sicurezza Cristiano Corazzari ha presentato a Venezia il piano formativo denominato

conoscereMafie450“Conoscere le mafie, costruire la legalità 2”, voluto e finanziato con 260 mila euro dalla Regione del Veneto e attuato da “Avviso Pubblico” (associazione che promuove la cultura della legalità nella pubblica amministrazione, alla quale aderiscono dieci Regioni italiane e centinaia di Enti locali), con il contributo del Forum Italiano per la Sicurezza Urbana.
 Alla conferenza stampa erano presenti il vicepresidente di “Avviso Pubblico”, Nicola Leoni, il prefetto di Rovigo Enrico Caterino e il vice prefetto di Venezia, Vito Cusumano.

 “I temi della prevenzione e del contrasto all’infiltrazione della criminalità organizzata e di stampo mafioso, ma anche quello del degrado urbano, sono nella nostra comunità una priorità non più rinviabile – ha detto Corazzari –. Con questa iniziativa diamo concretezza alla normativa di cui la Regione si è opportunamente dotata nel 2012. E’ un progetto innovativo ma soprattutto uno strumento di formazione pensato e organizzato con un taglio fortemente operativo e pratico che diffonderemo su tutto il territorio regionale. Obiettivo primario è la formazione della polizia e degli amministratori locali attraverso la realizzazione di corsi e seminari su temi di grande rilevanza e attualità quali la sicurezza urbana e la criminalità organizzata, le infiltrazioni mafiose nel Nordest, il codice dei contratti e degli appalti pubblici, i piani anticorruzione, il contrasto al gioco d’azzardo patologico, lo scambio di buone prassi”.

 Il progetto avrà una durata di 18 mesi. Ognuna delle sette province venete ospiterà un ciclo formativo di tre giornate rivolto ai dipendenti delle Polizie Locali e un ciclo di seminari per amministratori, dipendenti degli Enti Locali, cittadini, professionisti e rappresentanti del mondo del volontariato e delle associazioni.
 La provincia che inaugurerà il ciclo formativo per le polizie locali è quella di Belluno, con i corsi così suddivisi: 13 marzo, “Ruolo della polizia locale”; 28 marzo, “Criminalità organizzata e di stampo mafioso”; 20 aprile, “Tecniche operative e investigative”. Sarà Rovigo, invece, ad ospitare il prossimo 20 febbraio il seminario di apertura sul ruolo delle politiche regionali e locali in materia di sicurezza urbana e criminalità organizzata.

 “Attraverso questo percorso formativo – ha concluso Corazzari – le polizie locali potranno integrarsi meglio a quelle nazionali e si innescherà un processo virtuoso di scambi conoscitivi e collaborativi fra amministrazioni locali, autorità e diverse forze di polizia, creando, nel pieno rispetto delle competenze di ognuno dei soggetti, una rete di rapporti basata sulla condivisione di strategie operative e di effettiva interoperabilità”.

 Informazioni sul progetto sono disponibili nel sito conoscerelemafie.it

Pubblicità